martedì 30 maggio 2017

Morire a causa di una fede: l'omeopatia

E' notizia di questi giorni di un bambino di 7 anni morto per un'otite, che dopo 15 giorni di febbre alta si era trasformata in encefalite, portandolo al coma. L'otite di origine batterica è curabile facilmente con gli antibiotici, ma in questo caso era stata trattata unicamente con prodotti omeopatici, secondo le prescrizioni di un medico omeopata.

Si dice spesso: "perché prendersela così tanto con l'omeopatia? Al massimo non fa niente, ma di certo non può fare male!" Questo fatto ci dimostra quanto sia sbagliata questa convinzione.

Ma a parte questo viene da chiedersi: come è possibile che si sia arrivati a far morire un bambino per un'otite? Come è possibile che né l'omeopata né i genitori si siano resi conto della gravità della situazione e non siano corsi al pronto soccorso dopo tanti giorni di febbre e pus, lasciando invece degenerare una banale otite fino a una situazione così disperata e irrecuperabile? Come è possibile che siano rimasti irremovibili nell'usare i prodotti omeopatici fino alla fine? (fonte e fonte).

Risposta: perché l'omeopatia è un atto di fede, nel quale il raziocinio è messo in soffitta. Affidarsi all'omeopatia presume un irrazionale atto di fede. E quando si agisce non seguendo la ragione ma la fede, queste cose sono possibili.


Diciamo innanzitutto le cose come stanno: nei prodotti omeopatici non c'è nulla, e quindi non possono servire a curare nulla. Sono al massimo un placebo. Ma il placebo funziona se non sai di assumere qualcosa dove non c'è nulla. Funziona solo se credi di assumere un prodotto che ti curerà in modo efficace. Quindi nel momento in cui sai che dentro il prodotto omeopatico non c'è nulla, e chi usa l'omeopatia con convinzione lo sa bene, stai facendo un atto di fede, totalmente al di fuori della logica e del raziocinio.

E non tiriamo fuori la storia della memoria dell'acqua per spiegare come dovrebbe funzionare l'omeopatia, perché è stata sbugiardata da svariati e accurati studi scientifici. E poi non si capisce perché le molecole d'acqua dovrebbero ricordarsi del prodotto omeopatico e non delle innumerevoli schifezze di ogni tipo con cui sono venute a contatto nella loro storia, dai coliformi fecali alle sostanze tossiche di ogni tipo. Se questa cosa fosse vera, bersi un bicchiere d'acqua dovrebbe essere allo stesso tempo sia una cura contro tutto, che un potentissimo veleno.

E comunque nei prodotti omeopatici non c'è nemmeno quell'acqua che dovrebbe avere il ricordo del principio curante (che poi se volessimo parlare di come dovrebbe funzionare il principio curante si aprirebbe un altro nulla scientifico). L'acqua, così diluita da non contenere più molecole del principio attivo, viene infatti spruzzata su una pasticchetta di zucchero dalla quale evapora, e quindi resta solo la pasticchetta di zucchero. Un famosissimo prodotto omeopatico cita sulla confezione: "Pasticche da 1 mg. Contenuto: saccarosio 1 mg". Più chiaro di così! Quindi eventualmente nella pasticca di zucchero, non essendoci più nemmeno l'acqua, dovrebbe permanere solo la memoria, senza il suo supporto fisico. Ma di cosa stiamo parlando?! E poi ditemi se questa non è pura fede!

E non mi venite a dire nemmeno che "non possiamo sapere.... ci sono tante cose che non conosciamo... il corpo umano è misterioso..." e tutta la sequenza di scemenze che si ripetono a pappagallo in queste occasioni per giustificare qualcosa che all'occhio della ragione e dei test scientifici è completamente privo di senso. Oppure, la preferita degli omeopati: una volta si pensava che la terra fosse al centro dell'universo, e poi si è scoperto che non è vero, quindi un giorno si scoprirà che anche l'omopatia..."

L'omeopatia, infatti, nasce alla fine del 1700, quando non si conoscevano né cellule né tanto meno la genetica. Il sistema immunitario era un termine sconosciuto, non si conoscevano i virus e nemmeno i batteri, e la fisiologia e le funzionalità del corpo umano era ancora oscure. Era un'epoca in cui la medicina era una pratica quasi stregonesca, che credeva ad esempio che toglierti litri di sangue tramite vermi schifosi messi sulla pelle potesse allontanare il male dal corpo. E' chiaro che in queste condizioni non fare niente (l'omeopatia) poteva essere a volte molto meglio che fare qualcosa!

Nel frattempo il mondo, grazie alla ricerca scientifica, ha imparato a curare malattie che all'epoca ti portavano alla tomba in poco tempo. Ha scoperto i vaccini, la penicillina e gli antibiotici, ha scoperto molecole e principi attivi adatti a curare malattie gravi, e ha sviluppato tecniche chirurgiche straordinarie. Durante questo incredibile periodo di progresso,  l'omeopatia non è cambiata di una virgola. Dal 1700 a oggi, è rimasta immutata, restando a guardare il resto della medicina evolversi al passo con le nuove conoscenze. E tutt'ora, nel 2017, c'è chi preferisce credere in una pratica della fine del 1700 invece che alle scoperte che hanno reso le banali infezioni non più mortali. E' come se preferissero volare con le macchine di Leonardo invece che con un moderno jet.

L'omeopatia, tanto per dirne una, afferma che i prodotti omeopatici vanno scossi per diventare efficaci. E il motivo è che il suo inventore, Samuel Hahnemann, era convinto che l'effetto dei suoi preparati fosse amplificato dallo sballottamento della carrozza che usava per andare a casa dei malati (mentre al limite, a essere buoni, era semplicemente l'effetto placebo di un medico che ti viene a casa, che ti ispira più fiducia che se devi andare da lui di persona). Per questo aveva dedotto che era importante scuotere i preparati, e dalla via che bisognava scuoterli, aveva concluso che l'ideale era farlo su una Bibbia. Chi crede all'omeopatia crede a questo, allora come oggi. Questo è il livello di scientificità dell'omeopatia.

Oggi forse, in un sussulto di laicità, la Boiron e le altre aziende produttrici di prodotti omeopatici hanno tolto le Bibbie dalla catena di preparazione, chissà!

Quindi, tornando alla nostra storia, perché è potuta accadere? Perché quando si crede all'omeopatia implicitamente si butta la ragione nel cesso, e si abbraccia una pratica completamente fideistica. E gli estremi, in fatto di fede, portano a non saper vedere i fatti per quelli che sono nemmeno quando sono lampanti. La cronaca, a riprova di ciò, ci racconta che dal suo profilo social appare che il padre del bambino vittima di questa follia era il classico complottisti "all inclusive", che è contro big-pharma, contro i poteri forti, e contro il solito set completo di convinzioni che va dalle scie chimiche alla chemioterapia che uccide. Tutto il pacchetto del credente, insomma.

I sostenitori dell'omeopatia si sono subito affrettati a dire che è stato sbagliato usare l'omeopatia per un'otite, e che l'omeopatia è efficace in certi casi, ma non nel caso di un'otite batterica. Dimenticandosi però che fino a ieri scrivevano questo.  Bisogna essere chiari: l'omeopatia non serve a nulla perché dentro non c'è nulla! La chimica e la fisica non sono opinioni, e su questo non c'è proprio margine di discussione! L'omeopatia non ha mai dimostrato di fuzionare più di un placebo (fonte). Affermare che può servire in alcuni casi è già un atto di fede che, se detto da un medico, ovvero da uno che si professa uomo di scienza, fa rabbrividire!

E diciamola tutta anche  sulle dichiarazioni di certi medici (molti!), quando affermano che l'omeopatia può essere utile in certi casi, ma non nelle situazioni gravi. L'omeopatia è una presa in giro! Chi vende pasticche di zucchero facendole pagare come se fosse platino, sta innanzitutto prendendo in giro la gente! Che certi medici per primi siano indirettamente complici di questo raggiro io lo trovo scandaloso.

Per non parlare di quelli che consigliano prodotti omeopatici e poi - nel caso il problema persista - passano ai farmaci allopatici. Questo è lo stesso atteggiamento di quando si va al santuario a pregare il santo perché ti faccia passare la cervicale o perché tuo figlio passi l'esame. Se funziona, è merito del santo che ha fatto la grazia. Se invece non funziona, eh... mica si può pretendere tutto dai santi!

Con l'omeopatia è uguale, agli omeopati piace vincere facile. Prima si prova con qualcosa che non fa niente. Se con lo zuccherino ti passa l'otite, è merito dello zuccherino, anche se dentro non c'è niente. Se invece non funziona e devi prendere l'antibiotico, beh... l'omeopatia non può mica fare miracoli! Non può certo fare miracoli, ma la fede cieca e ottusa in qualcosa che non esiste può produrre anche tragedie come questa.

E infine permettetemi una piccola apparente divagazione: ho parlato di recente di una lettera, firmata da 156 medici, scettici o apertamente contrari alla vaccinazione di massa. Una semplice ricerca in rete mostra che di questi 156, ben 140 sono omeopati, o supportano apertamente l'omeopatia. Più del 90%. In italia i medici omeopati sono meno del 2% del totale. Vuol dire che scegliendo 156 medici a caso dovrei trovarne circa 3 che sono omeopati. Nel gruppo che è contro i vaccini invece ne ho trovati 140. Allora, ricapitolando: credono all'omeopatia e sono anche contro i vaccini... proviamo a fare 2 + 2...

6 commenti:

  1. Ma se le indicazioni di Hahnemann dicevano che i preparati omeopatici dovevano venire scossi sopra una bibiba erano efficaci anche per i buddisti e i musulmani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di fronte alla possibilità di perdere grosse fette del mercato si tralasciano questi dettagli e si usa il libro di Pinocchio, che è superpartes.

      Elimina
  2. a proposito dell'omeopatia, delle fogne di Calcutta e della memoria dell'acqua: dal minuto 1 al minuto 3, piu' o meno.
    Annarita Margiotta
    Dipartimento di Fisica e Astronomia - UniBO
    PS: Commento come anonimo perche' non so come fare diversamente, ma mi firmo...
    https://www.youtube.com/watch?v=UQUsmne7PSE

    RispondiElimina
  3. "Medico omeopata" un evidente caso di ossimoro

    RispondiElimina
  4. No, dico... na avete visto il CV di quella che ha scritto l'articolo linkato che spiega come curare l'otite con l'omeopatia?
    La cosa più importante che ha fatto sono fotocopie ma si picca di essere "Redattrice specializzata nella comunicazione medico-scientifica".
    Imbarazzante...

    RispondiElimina
  5. Uno dei motivi per cui l'omeopatia dilaga è anche l'analfabetismo funzionale di noi Italiani (48% nel 2015).

    Tanta gente crede che Omeopatico sia in realtà sinonimo di Officinale (molti penso non sappiano neanche che significhi officinale) e quindi ritengono che i prodotti omeopatici siano medicinali con principi attivi "naturali".

    Credere questo rende per loro giustificabile l'uso di queste pastichine di saccarosio (lo zucchero-colla che si usa per mantenere integre le caramelle, per essere chiari, e che se ingerito in quantità moderata causa anche dissenteria).

    che ne pensate?

    RispondiElimina